Trattativa Allegri, la rabbia dei tifosi: “Questo circo non è da Juve” – La Gazzetta dello Sport


Il popolo bianconero sorpreso da come la società sta gestendo la vicenda allenatore: “Siamo diventati come gli altri club”

Qualche tempo fa Massimiliano Allegri aveva suggerito ai tifosi scontenti del gioco bianconero di recarsi al circo, dove di sicuro avrebbero soddisfatto la loro voglia di divertimento. In questi giorni la parola circo viene spesso associata, sui social, alla situazione attuale della Juventus, dove i tifosi sono scarsamente abituati a gialli, rinvii, ritardi e situazioni di caos. “Ma dove siamo, al circo?”, tuonano in tanti, bianconeri scontenti ma soprattutto sorpresi di vedere il proprio club in balia delle onde. Un mese fa Andrea Agnelli, nell’amara notte dell’eliminazione dalla Champions, aveva confermato il tecnico pentacampione d’Italia con la Signora, un mese e due giornate dense d’incontri dopo non c’è stata ancora la fumata bianca.

Stupore e disappunto

—  

“Siamo diventati una società normale”, sospira più di qualcuno, “Sembriamo l’Inter”, sbuffa qualcun altro. Già, perché la Juventus da quando al timone c’è Agnelli è sempre stato il club delle grandi certezze, e non solo per i risultati sul campo. Un uomo solo che decide, il presidente, e tutti che remano nella stessa direzione. Mai una titubanza, mai un ripensamento. Stavolta invece l’attesa si protrae e i tifosi hanno in testa svariati perché: come mai ci vuole così tanto tempo per capire se Allegri è l’uomo giusto anche per la nuova Juventus? E ancora: quali sono i nodi da sciogliere per la sua permanenza? Nell’aria serpeggia una sensazione di insicurezza cui il popolo della Signora non è abituato. Le lunghe telenovele in stile sudamericano non sono apprezzate in terra sabauda. Domenica a Torino ci sarà la festa per l’ottavo scudetto, ma nessuno ne parla. Tutti aspettano con ansia solo l’ultima puntata della saga AA (Agnelli versus Allegri).


Link ufficiale: gazzetta.it