“Tutto bellissimo. Gasperini? Non andr via”


Il presidente dell’Atalanta, Antonio Percassi. Ansa

Il presidente dell’Atalanta, Antonio Percassi. Ansa

“La qualificazione in Champions o la vittoria della Coppa Italia? Il nostro primo obiettivo sar sempre la salvezza, non mi stancher mai di dirlo… Tutto il resto, poi, eccezionale”. Nonostante una serata da sogno, che ha consegnato alla sua Dea il pass per la finale di Roma, Antonio Percassi mantiene il low profile in vista del futuro. Un’impresa, al netto del grandissimo entusiasmo che si respira a Bergamo. Logico, perch i prossimi 30 giorni potrebbero consegnare uno storico double: “Quando presi la societ, ormai tanti anni fa, pensai subito alla continuit del progetto. Considerando da dove siamo partiti, incredibile vedere dove siamo oggi”. Dopo il 2-1 sulla Fiorentina, il patron nerazzurro al settimo cielo. Giusto sognare la seconda Coppa Italia (la prima nel 1962-1963), il 15 maggio all’Olimpico di Roma l’ultimo step contro la Lazio.

blindati
“Tutto questa felicit bellissima, ma dobbiamo restare concentrati e con i piedi per terra”, prosegue il presidente. Restare, un concetto che accosta immediatamente a Gian Piero Gasperini. Il protagonista delle ultime, clamorose, stagioni dell’Atalanta e seguito dalle big: “L’ho ripetuto tante volte, non andr via. Stesso discorso per i nostri uomini migliori, Zapata compreso. Il nostro futuro passa da loro. Il mister ha fatto e sta facendo un lavoro super. Bravo lui, i calciatori e la dirigenza per aver scelto dei veri gioielli”.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

per mino
Prima di chiudere, Percassi guarda avanti: “Da Copenaghen sono cambiate parecchie cose, ma quella serata ci servita. Il calcio cos, nulla scontato, anche quando crei tantissime occasioni come contro l’Empoli. Il progetto continua come abbiamo fatto negli ultimi anni. Siamo una realt provinciale, ma punteremo a crescere gradualmente”. Doveroso un ricordo per il grande Favini, scomparso marted: “La vittoria sicuramente per lui”. Il sogno, neanche dirlo, dedicargliene un’altra. Ancor pi importante


Link ufficiale: gazzetta.it