uccisi 4 palestinesi. Hamas replica lanciando 400 razzi


Continua ad essere altissima la tensione tra Israele e cittadini palestinesi della Striscia di Gaza, dove quattro persone sono state uccise dai raid dell’esercito di Tel Aviv. Un israeliano ha invece perso la vita a Askhelon.

Stando a quanto reso noto dai vertici militari di Israele nella sola giornata di ieri, 12 novembre, circa 400 razzi – per lo più artigianali – sono stati lanciati da Gaza sulle colonie, uccidendo una persona. Il sistema di difesa antimissilistico Iron Dome ha intercettato circa 100 missili, neutralizzandoli prima ancora che toccassero il suolo. Al fitto lancio di razzi Israele ha replicato colpendo 150 obiettivi palestinesi con un massiccio bombardamento dell’aviazione militare.

L’escalation di violenza – che rischia di far ripiombare gli abitanti della Striscia di Gaza nell’incubo di un nuovo importante intervento militare israeliano come quelli che, negli anni scorsi, hanno causato migliaia di vittime palestinesi – è arrivata dopo che domenica scorsa sette uomini di Hamas sono stati uccisi nel corso di un’operazione segreta israeliana nella Striscia. Secondo Al Jazeera gli israeliani si sono introdotti nella striscia in abiti civili, apparentemente disarmati e in alcuni casi travestiti da donna. “In risposta al crimine di ieri, il comando unificato delle fazioni palestinesi annuncia l’inizio di bombardamenti su insediamenti del nemico con salve di razzi”, aveva replicato Hamas, dando inizio a un fitto lancio di missili. Uno ha colpito un autobus che fino a pochi istanti prima era pieno di soldati israeliani. “Avremmo potuto causare una strage e uccidere tutti quei ragazzi – ha detto un alto funzionario di Hamas ad Al Jazeera – ma abbiamo voluto che si mettessero in salvo. Il nostro è stato un messaggio a Israele, un invito a interrompere i raid nella Striscia di Gaza”.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/