“Un errore unire i fratelli Donnarumma”


Massimiliano Mirabelli, 49 anni. LAPRESSE

Massimiliano Mirabelli, 49 anni. LAPRESSE

Massimiliano Mirabelli un fiume in piena. L’ex direttore sportivo e direttore dell’area tecnica del Milan, ospite al “Processo” su 7Gold, ha raccontato nei dettagli la sua avventura in rossonero, conclusasi a luglio con il licenziamento: “Sono stati 15 mesi di grande impegno, vissuti tutti d’un fiato. Vivere giornalmente questo mondo Milan una cosa per pochi ed stato bellissimo. Sono stato onorato e orgoglioso di avere fatto parte, seppur per breve tempo, della storia di questo grande club”. Ma partiamo dalla fine della trasmissione. Dopo aver tergiversato alla domanda “di cosa si pente di aver fatto al Milan”, Mirabelli ha dovuto cedere: “Purtroppo avevo in mente di unire i fratelli Donnarumma. Poi per come andata mi sono pentito e non l’avrei fatto”.

la scommessa gattuso
Al nome di Mirabelli indissolubilmente legato quello di Rino Gattuso, successore di Montella: “Ho creduto in lui. Per Rino, che stato un grande campione, ha subito dimenticato quello che era stato come calciatore e si rimesso in gioco. Nel mondo Milan era visto come grinta, forza, ma come allenatore innovativo, ha capacit e competenze. Uno dei pi bravi al mondo. sottovalutato. Ho visto le partite del Milan e gioca un calcio bellissimo. Ha cambiato il Milan da cima a fondo. Ha fatto non bene, benissimo. Sa entrare in ogni ragazzo, sa insegnare calcio e tenere una squadra”.


BONUCCI E LA SOCIET
Il simbolo della campagna acquisti targata Fassone e Mirabelli stato sicuramente Leonardo Bonucci, tornato alla Juventus dopo solo un anno: “Bonucci stato un grande uomo di spogliatoio, oltre che un grande protagonista. Un campione vero, il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via. Per me gli equilibri li sposta la squadra, Leonardo non poteva farlo. Mi aspettavo che restasse un anno? No, abbiamo fatto quello che abbiamo fatto perch pensavamo che chiudesse la carriera al Milan”.

Mirabelli al Milan non ha trovato una societ pienamente in salute: “Il Milan ha avuto anni d’oro in cui salito sul tetto del mondo, gli ultimi 4/5 anni sono stati in sordina. Non abbiamo trovato un terreno fertilissimo, normale trovare un club che ha vinto tantissimo che si accingeva a vivacchiare, abbiamo dovuto fare diversi interventi per aggiustare un po’ di cose”.

 Francesco Sessa 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it