un pieno di fiducia per ritornare il vero Radja


Radja Nainggolan, centrocampista dell'Inter. Getty

Radja Nainggolan, centrocampista dell’Inter. Getty

Un patto d’onore tra uomini veri. Che punta a rimettere Radja Nainggolan al centro dell’Inter. La nuova vita nerazzurra del Ninja cominciata a Empoli, con quei 36 minuti in campo post sospensione che hanno permesso a lui di riazionare i giri del motore e a Spalletti di chiudere l’anno con una vittoria. L ripartito Radja. Che adesso atteso da cinque mesi di fuoco. Come promesso a se stesso, a Marotta, Ausilio e Spalletti, gli uomini veri che hanno stretto il patto d’onore. La sera del Napoli, con Nainggolan in tribuna per aver sgarrato troppe volte, fu proprio l’a.d. dell’area sportiva a metter fine ai pettegolezzi: Il giocatore non va messo sul banco degli imputati: ha sbagliato, la societ stata vigile e ha preso provvedimenti. Il caso chiuso. Verissimo. Caso chiuso e Radja da recuperare completamente. Come? Spegnendo i riflettori sopra la sua testa, scegliendo il basso profilo mostrato nelle vacanze di Natale, pensando solo al presente e al futuro del centrocampista nerazzurro. Che, come ha detto Spalletti a Empoli, mette 3-4 cose davanti al calcio. Ecco, la missione dell’Inter riportare il calcio al centro degli interessi del belga, perfetto nei primi giorni del 2019 dopo un fine 2018 da brividi.

difficoltFinora, infatti, il Nainggolan nerazzurro stato una delusione. In campo ha risentito degli infortuni e delle ricadute, giocando poco e saltando praticamente tutte le partite chiave dell’autunno interista. Fuori dal campo il lungo periodo no andato di pari passo, tra il caso degli assegni clonati, la passione per i casin, i ritardi ad Appiano e altri comportamenti poco professionali. L’Inter per un po’ ha sopportato, sperando che il Ninja che d le vampate (copyright Spalletti) si caricasse la squadra sulle spalle. Ma quando si capito che l’extra-pallone aveva superato il limite, il club intervenuto, con il triumvirato Marotta-Ausilio-Spalletti che ha usato il pugno duro per far riprendere a Nainggolan la strada giusta, togliendosi di dosso tutte le polemiche.


VIDEO CORRELATI

ripartenzaDopo la squalifica e l’audio circolato sui social con Radja che rimpiange Roma, arrivato il patto nerazzurro. Cos Radja, che era uscito dai social per evitare pericolose scivolate, rientrato con le acque calme pubblicando una foto del primo allenamento dell’anno. Fondamentali sono state anche le vacanze di Natale passate a Cagliari, tra famiglia e amici. Hanno infatti ridato al belga una dimensione normale, quello che l’Inter chiede. E un significato simbolico hanno avuto gli allenamenti al buio e da solo, con i colori nerazzurri addosso, lungo la spiaggia del Poetto. Radja ha chiesto fiducia, la societ ha deciso di fidarsi ma solo a certe condizioni. Questo il patto. Che il belga in questo inizio di 2019 sta rispettando eccome. Ad Appiano raccontano di allenamenti fatti al massimo e di lavoro quasi personalizzato per rimetterlo definitivamente in sesto. Un tagliando fatto su misura. Perch domani c’ il Benevento, ma il primo obiettivo il Sassuolo, non sfidato all’andata per colpa dell’infortunio in precampionato. Poi serviranno 5 mesi di fuoco: Radja non si muove, ma deve essere ad altezza Inter.

 Carlo Angioni 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it