vittoria in rimonta per i blucerchiati


L’esultanza dopo il gol del 2-1. Lapresse

L’esultanza dopo il gol del 2-1. Lapresse

Sampdoria agli ottavi di Coppa Italia, Spal a casa. Il verdetto di Marassi arriva dopo una partita bella e intensa, nonostante i diversi cambi di formazione da una parte e dall’altra: fuori Andersen, Ramirez, Linetty e Quagliarella nella Sampdoria e Kurtic, Viviani, Antenucci e Petagna nella Spal. La sfida del 4° turno di Coppa Italia dal sapore di Serie A è vinta dagli uomini di Giampaolo per 2-1: ospiti avanti con Floccari, Defrel-Kownacki (con la complicità di Milinkovic-Savic) trascinatori dei doriani.

PRIMO TEMPO
La Samp parte meglio e sfiora il gol con Saponara e con Kownacki, che alla mezz’ora scheggia la traversa. Ma a passare in vantaggio sono gli ospiti, al 34’: Dickmann serve Floccari che con un potente destro insacca sotto la traversa. Spal che non si ferma: al 40’ Paloschi calcia dal limite dell’area, salva Rafael. E a un passo dall’intervallo arriva il pareggio blucerchiato con Defrel, che solo contro Cabral indirizza nell’angolino. 1-1 e squadre negli spogliatoi.


SECONDO TEMPO
Dopo un primo tempo vivace, la ripresa inizia a marce più basse. Al 52’ Saponara calcia dopo l’assist di Kownacki, ma il suo tiro finisce a lato di poco. Al 66’ l’occasione più clamorosa della partita: Saponara con un filtrante perfetto manda in porta Jankto, che salta Milinkovic-Savic ma a porta vuota spedisce il pallone sul fondo. La Spal sembra accusare la stanchezza: tiene poco palla, si abbassa e non riesce a rendersi pericolosa dalle parti di Cabral, concedendo campo ai blucerchiati. E all’82’ la Sampdoria completa la rimonta: Saponara crossa in area un pallone apparentemente innocuo, ma Milinkovic-Savic sbaglia completamente l’uscita e Kownacki insacca di testa. La Spal nel finale prova a riversarsi nella metà campo avversaria, “rinfrescata” dai subentrati Kurtic e Viviani. A mancare sono però vere e proprie occasioni da gol: vince la Samp senza il brivido finale. E ora sotto con il Milan.

 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it