“Vogliamo restare, la nostra famiglia”


Wanda Nara, domenica sera a San Siro. LaPresse

Wanda Nara, domenica sera a San Siro. LaPresse

Wanda Nara conciliante. E non poteva essere altrimenti, al termine di una giornata quasi al miele – almeno nelle dichiarazioni – sul caso Mauro Icardi. “L’Inter la nostra famiglia e non ce ne vogliamo andare, non vogliamo lasciare il club”, il titolo che regala Wanda. Che sul caso della fascia di capitano tolta a Mauro dice: “Alcuni dicono che una fascia non ti cambia: a Mauro come se avessero tolto una gamba. Gioca con questa maglia con orgoglio, tutti sanno che persona , non ha mai pensato ai soldi. Mauro ci tiene tantissimo alla maglia e la fascia la porta con un orgoglio tale da onorarla continuamente. Tutta la nostra famiglia interista, Mauro il primo a credere in questa squadra e vuole trascinarla. Se le mie dichiarazioni hanno dato fastidio? Non ho avuto alcuna avvisaglia. Siamo continuamente in contatto con l’Inter, con loro ho fatto riunioni di tre ore. Per me la decisione stata una sorpresa, l’ho saputo tramite Twitter”.

SASSO E STADIO
Wanda ha poi raccontato l’episodio del sasso che avrebbe colpito la sua auto: ” successo mentre accompagnavo mio figlio a calcio: non volevo farlo sapere, ma avendo fatto una denuncia alla fine si saputo. Non potevo chiamare Mauro perch dormiva e nemmeno la mia famiglia perch sta in Argentina, la mia famiglia l’Inter e ho chiamato loro, poi ho ricevuto la telefonata di Marotta”. La domenica stata sinonimo di stadio: “Non ho mai avuto dubbi se andare, Mauro poi mi aveva chiesto di accompagnarlo”. Spalletti ha detto che avrebbe preferito una visita negli spogliatoi a fine partita, ma Wanda spiega: “Ci avevano chiesto di andare via prima per motivi di sicurezza. I fischi? Si devono chiarire tante cose: Mauro ha il difetto di essere troppo sincero in un mondo dove c’ tanta ipocrisia. Io non ho mai chiesto un rinnovo, eppure ci chiamano mercenari. Ma noi donne siamo sempre un po’ bistrattate quando parliamo di calcio”. Sul contatto avuto con Moratti si commuove in diretta: “Ci siamo parlati, gli ho inviato un messaggio per ringraziarlo perch Mauro stava malissimo. Gli ho chiesto se poteva darci una mano per farlo giocare, perch mio marito stava male. una situazione che si deve risolvere”.


marotta telefona
E qui in diretta tv interviene al telefono l’a.d. nerazzurro Marotta: “Ho sentito piangere Wanda e mi dispiace. Vogliamo stemperare la tensione e rassicurare Wanda e Mauro Icardi. Quello che facciamo lo facciamo per il bene di Mauro, di Wanda stessa, dell’Inter e dei tifosi. una scelta presa a malincuore, per i motivi che sappiamo e che non vanno esternati in questa sede, che per non mette in dubbio il percorso tecnico che prevediamo per Mauro. C’ molta serenit, nulla compromesso”. E Wanda ribatte: “Ringrazio Marotta, non sar mai Mauro a chiedere il rinnovo, fino all’ultimo giorno in cui star all’Inter. Lui gioca con il cuore per l’Inter”.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Davide Stoppini 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it