“Voglio lasciare un’impronta qui. Lautaro forte, ma un po’ egoista…”


Luciano Spalletti, seconda stagione alla guida dell'Inter. Lapresse

Luciano Spalletti, seconda stagione alla guida dell’Inter. Lapresse

“Sono sempre soddisfatto quando si vince. Voglio usare qualsiasi minuto della mia vita per migliorare il nostro comportamento in funzione dell’appartenenza all’Inter. Dobbiamo fare di tutto per portare dei successi. Siamo stati scelti per riportare l’Inter in una posizione di classifica importate: questa la nostra missione. Mi vorr ricordare di aver lasciato un’impronta qui”. Luciano Spalletti visibilmente soddisfatto dopo la vittoria dell’Inter sul Cagliari, la quarta consecutiva in campionato che proietta i nerazzurri al terzo posto in classifica, aspettando la risposta del Sassuolo domani sera contro il Milan: “Siamo andati in gol con 10 marcatori diversi – dice il tecnico nerazzurro ai microfoni di Dazn -. Questa una cosa molto importante. Questi calciatori mi hanno permesso di fare un turnover importante per far giocare alcuni freschi in Champions. Quando si ha una rosa cos numerosa molto importante”.

LAUTARO E NAINGGOLAN
Spalletti, poi, tesse le lodi di Lautaro, autore del primo gol della serata: “E’ un calciatore davvero forte. Si riesce a girare nel traffico dei difensori con grande facilit, ha intuizioni, capacit di andare alla conclusione, poi allenandosi con Mauro ha imparato qualcosa (sorride, ndr.). Martinez ha carattere, tecnica, forza di gambe, tiro. Certo, forse un po’ egoista visto che in un’occasione non ha passato la palla ed andato a concludere da solo e poi l’ha persa. Ma non fa male un filino di egoismo… Lui e Icardi sono molto amici, e sono anche ragazzi molto sensibili”. Chiusura su Nainggolan: “Quando le squadre giocano in mezzo al campo, lui bravissimo a fare perno sull’avversario, a dare vampate, ripartenze, a girarsi nel traffico. Poi chiaro che non un calciatore prettamente tecnico”.


juve? difficile sorprenderla
“Se giochiamo per il secondo posto vista la fuga della Juventus? Ho paura che dopo la vittoria di oggi i bianconeri siano ancora pi tranquilli, ma anche vero che il campionato ancora lungo – continua la disamina di Spalletti ai microfoni di Sky -. La gestione di Allegri fatta bene, continua a ruotare i calciatori e sar difficile prenderli col fiato corto. In ogni caso il campionato molto lungo e si deve ancora entrare nel vivo della Champions League”.

 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it