“Voltiamo pagina. Soriano e De Silvestri recuperati”


Walter Mazzarri, 56 anni. LaPresse

Walter Mazzarri, 56 anni. LaPresse

Ripartire alla svelta e dimenticare il Napoli. Il Torino ha fretta di mettersi alle spalle una giornata deludente come quella di domenica scorsa e a Bergamo vuole ritrovarsi. Walter Mazzarri sa che non sar facile perch l’Atalanta vista in casa del Milan sembra avere superato la crisi arrivata dopo l’eliminazione dagli spareggi di Europa League. “L’ultima dell’Atalanta contro il Milan ci fa capire come stanno: andiamo sul loro campo, difficile, con un pubblico caldo. Cercheremo comunque di fare una partita all’altezza della situazione. L’Atalanta gioca a memoria, ha una squadra fatta di giocatori che possono fare la differenza come Zapata e Gomez. una squadra forte fisicamente e se ci ruba palla pu farci male”, dice l’allenatore durante un’intervista a Torino Channel, il canale ufficiale del club granata. Dopo la partita con il Napoli, a caldo, Mazzarri aveva detto: “Oggi avrei dovuto cambiarne sette o otto”. A Bergamo vuole vedere un altro atteggiamento dai suoi: “C’ stata un’assunzione di responsabilit collettiva, e ora si volta pagina”.

turnover
Possibili novit di formazione visti i tre impegni nello spazio di una settimana. “Possibilissimo gi domani oltre che contro il Chievo – conferma Mazzarri – perch quando si giocano tre partite ravvicinate a inizio stagione con il caldo si spendono tante energie nervose e fisiche, non ho tempo di verificarlo sul campo perch c’ soltanto pi un allenamento domattina”. L’allenatore fa anche il punto della situazione legata ai calciatori che stanno recuperando da problemi fisici. Iago Falque resta fuori, ma Soriano e De Silvestri stanno meglio: “Sono stati entrambi recuperati, ma non sono ancora certo che possano giocare dal primo minuto. Devo parlare con i singoli e mettere in campo la formazione pi idonea valutando i principi tattici le mie sensazioni”. Infine sui calciatori che potrebbero trovare spazio domani, Mazzarri conclude: “Aina, Bremer, Lukic, Djidji… possibile che scendano in campo. Soprattutto per quanto riguarda la difesa un ruolo particolare, il minimo errore lo paghi e quindi andiamo con i piedi di piombo a far giocare giocatori che sono arrivati da poco e sono stranieri. un processo pi lungo per farli adattare ma questi ragazzi hanno imparato in fretta e qualcuno lo vedremo in queste due partite”.


 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it