Zapata sempre pronto. Calha fa scena muta


La corsa Champions del Milan subisce una frenata nell’anticipo di Pasqua col Parma al Tardini. Una prestazione con luci e ombre con un Cristian Zapata sempre pronto alla chiamata e un Calhanoglu che invece ha fatto mancare la sua firma con una partita incolore. Ecco i top & flop di questa sfida.

Cristian Zapata. Ansa

Cristian Zapata. Ansa

TOP ZAPATA
La lode va a questo difensore che non sembra patire mai i lunghi periodi trascorsi in panchina a osservare gli altri giocare. Quando Cristian viene chiamato in causa risponde con prove di maturit ed efficacia, come questa. Non si fa spaventare dalle incursioni di Gervinho e chiude efficacemente la cerniera con Romagnoli di fronte agli attacchi giallobl, che in alcuni casi sono piuttosto pericolosi. D la sensazione di non spaventarsi mai e chiude tutti i varchi fino all’ultimo minuto di recupero. in fase di trattativa per il rinnovo contrattuale, il consiglio al Milan piuttosto scontato.


Hakan Calhanoglu . LaPresse

Hakan Calhanoglu . LaPresse

FLOP CALHANOGLU
Il finale di stagione doveva essere quello del rilancio, dell’uomo in pi, dei piedi morbidi fin qui (quasi) sempre mancati all’appello. Ovvero il modo migliore di mettere la firma nel momento pi importante dell’annata, nello sprint per l’Europa. Ma l’interrogato ha fatto di nuovo scena muta. Gattuso lo ha tolto a met della ripresa per inserire Biglia, ossia un cambio tattico e non punitivo, ma la prestazione del Calha resta comunque incolore e impersonale. A parte un contropiede, non mai riuscito ad alzare il ritmo, n a inventare una giocata, e negli occhi resta una lunga serie di scelte sbagliate (e una palla persa che poteva costare molto cara). Non questo l’ultimo mese di campionato che ci si attendeva da lui.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

Dal nostro inviato Marco Pasotto 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it